Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2012 Agosto;64(4) > Minerva Ginecologica 2012 Agosto;64(4):309-20

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2012 Agosto;64(4):309-20

PRE-ECLAMPSIA 

Disfunzione endoteliale. Un importante mediatore nella fisiopatologia dell’ipertensione durante la pre-eclampsia

Lamarca B.

Department of Obstetrics and Gynecology, University of Mississippi Medical Center, Jackson, MS, USA

La pre-eclampsia è definita come ipertensione di nuova insorgenza associata a proteinuria nel corso della gravidanza. Tale condizione interessa circa il 5% delle gravidanze negli Stati Uniti d’America, con una parte di esse che progredisce verso forme più acute della malattia, conosciuta come HELLP o eclampsia. La pre-eclampsia è associata alla restrizione della crescita intrauterina, all’attivazione immunitaria cronica e alla disfunzione endoteliale multiorgano, fattori che contribuiscono all’aumento clinicamente visibile della pressione arteriosa materna. Il risultato finale è l’aumento della morbilità e della mortalità materna e neonatale, le quali contribuiscono alla spesa sanitaria lorda in tutta la nazione. Sebbene non si conosca ancora la causa soggiacente di tale malattia, l’ipotesi più comunemente accettata è che l’ischemia/ipossia placentare derivi da un inadeguato rimodellamento vascolare utero-placentare, comportando una riduzione del flusso ematico placentare. La placenta ischemica rilascia fattori come la forma solubile del recettore-1 del VEGF (sFlt-1), l’autoanticorpo contro il recettore dell’angiotensina II di sottotipo 1 (AT1-AA) e citochine come il TNF-α e l’interleuchina 6 che conducono a una disfunzione endoteliale materna caratterizzata da elevati livelli circolanti di endotelina (ET-1), specie reattive dell’ossigeno (ROS) e da una maggiore sensibilità vascolare all’angiotensina II. Tali fattori agiscono all’unisono indebolendo la funzionalità renale e causando l’ipertensione nel corso della gravidanza. Comprendere il collegamento tra ischemia placentare, disfunzione endoteliale e ipertensione nel corso della gravidanza favorirà migliori strategie di previsione, prevenzione e trattamento per donne e bambini colpiti da questa malattia devastante.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina