Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2012 February;64(1) > Minerva Ginecologica 2012 February;64(1):67-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  MAMMELLA


Minerva Ginecologica 2012 February;64(1):67-74

lingua: Inglese

Patologie mammarie benigne, contraccezione e terapia ormonale sostitutiva

Gadducci A., Guerrieri M. E., Genazzani A. R.

Division of Gynecology and Obstetrics, Department of Procreative Medicine, University of Pisa, Pisa, Italy


PDF  


Il termine patologia mammaria benigna comprende una vasta ed eterogenea gamma di lesioni differenti per istologia e storia naturale. Circa il 70% delle donne sottoposte a biopsia per patologia mammaria benigna hanno lesioni non-proliferative con nessun aumentato rischio di carcinoma mammario, il 26% hanno iperplasia tipica che si associa ad un aumento del rischio di due volte, e solo il 4% hanno iperplasia atipica che si associa ad un aumento del rischio di cinque volte. I dati sugli effetti degli ormoni steroidei sulla patologia mammaria benigna sono tratti da studi osservazionali con molti potenziali bias. Molti lavori hanno riportato che i contraccettivi orali hanno un ruolo protettivo nei confronti della patologia mammaria benigna, mentre altri hanno suggerito che gli effetti della pillola non sono ancora del tutto chiari. Per quanto riguarda la terapia ormonale sostitutiva [TOS], alcuni studi hanno dimostrato una aumentata incidenza di patologia mammaria benigna nelle donne che hanno assunto a lungo questa terapia, mentre altre indagini hanno trovato o nessun effetto o un effetto protettivo. L’ uso della TOS non sembra influenzare il quadro clinico della patologia mammaria benigna nelle donne in post-menopausa, sebbene sia stato talvolta riportato un ingrandimento di cisti o di fibroadenomi pre-esistenti. I limitati dati disponibili non hanno evidenziato un effetto deleterio dell’ uso della TOS in donne con patologia mammaria benigna, anche in quelle con aumentato rischio di carcinoma mammario per storia familiare o per presenza di lesioni mammarie benigne ad alto rischio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

a.gadducci@obgyn.med.unipi.it