Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 Dicembre;63(6) > Minerva Ginecologica 2011 Dicembre;63(6):531-45

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2011 Dicembre;63(6):531-45

GINECOLOGIA PEDIATRICA ADOLESCENZIALE 

Disturbi del comportamento alimentare nel ventunesimo secolo

Weiselberg E. C., Gonzalez M., Fisher M.

Division of Adolescent Medicine, Department of Pediatrics, Steven and Alexandra Cohen Children’s, Medical Center of NY, New Hyde Park, NY, USA

La prima descrizione dell’anoressia nervosa comparve nella letteratura medica più di tre secoli fa. Da allora, la conoscenza dei disturbi del comportamento alimentare si è notevolmente ampliata, comprese le diverse presentazioni, le complicanze mediche, la prognosi e le strategie terapeutiche. Nonostante tale conoscenza, la prevalenza dei disturbi del comportamento alimentare continua ad aumentare. Inoltre, i disturbi del comportamento alimentare vengono registrati sempre più spesso nel sesso maschile, nei bambini e negli adulti, di qualsiasi cultura ed etnia. Elemento di particolare preoccupazione è che spesso i pazienti con disturbi del comportamento alimentare richiedono assistenza medica per l’insorgere di complicanze come amenorrea, sincope o dolore addominale, senza rivelare il loro disturbo del comportamento alimentare. Per tale ragione, tutti i medici dovrebbero essere consapevoli delle varie presentazioni dei disturbi del comportamento alimentare, inclusi i rischi e le complicanze mediche, ed essere in grado di individuare un possibile disturbo del comportamento alimentare. Le complicanze mediche più importanti sono dovute al minore apporto calorico, il quale porta a uno stato ipometabolico. Sebbene la maggior parte delle complicanze sia reversibile attraverso il recupero, alcune, come l’osteoporosi, potrebbero non esserlo. Di particolare preoccupazione durante il recupero è il possibile sviluppo di una sindrome da rialimentazione, che si verifica quando il corpo umano passa da uno stato catabolico a uno anabolico, causando ipofosfatemia, ipocalcemia e ipomagnesemia, le quali possono portare a delirio, coma e decesso. Fattore di ulteriore preoccupazione è che i disturbi del comportamento alimentare hanno il più elevato tasso di mortalità di tutti i disturbi psichiatrici, pari al 5,6% per decennio. Il presente articolo passerà in rassegna la mutevole demografia, le complicanze mediche, le opzioni terapeutiche e la prognosi dei disturbi del comportamento alimentare.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina