Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 October;63(5) > Minerva Ginecologica 2011 October;63(5):459-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2011 October;63(5):459-64

lingua: Inglese

Condizioni associate alla disfunzione placentare

Ventolini G.

Department of Obstetrics and Gynecology, Boonshoft School of Medicine, Wright State University, Dayton, OH, USA


PDF  


La disfunzione placentare è un termine impiegato per descrive una funzione placentare subottimale che conduce ad alterazioni dell’apporto al feto di tutti i nutrienti necessari come pure all’eliminazione dei prodotti catabolici fetali. La placenta disfunzionale interrompe la produzione di altri fattori essenziali coinvolti nella preservazione della gravidanza, può compromettere la crescita corretta e atraumatica del feto in ambiente sterile, la difesa immunitaria dagli anticorpi materni e i normali livelli di liquido amniotico. La disfunzione placentare può causare diversi disordini e processi patologici associati alla morbilità e alla mortalità fetale e neonatale. I meccanismi con cui questi processi infiammatori causano la morte e le disabilità sono diversi e possono essere classificati in quattro classi distinte: danno placentare con perdita di funzione; induzione di travaglio prematuro; rilascio di mediatori infiammatori; infezione transplacentare. Numerose condizioni sono state associate alla disfunzione placentare: IUGR, ipertensione, danno ipossico-ischemico, parto pretermine, e morte fetale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

gary.ventolini@wright.edu