Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 Ottobre;63(5) > Minerva Ginecologica 2011 Ottobre;63(5):401-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  MEDICINA MATERNO-FETALE


Minerva Ginecologica 2011 Ottobre;63(5):401-10

lingua: Inglese

Il ruolo dell’ecografia tridimensionale nella diagnosi delle anomalie congenite fetali: una review

Rizzo G., Pietrolucci M. E., Aiello E., Mammarella S., Bosi C., Arduini D.

Department Obstetrics and Gynecology, Tor Vergata University, Rome, Italy


PDF  


L’obiettivo di questa review è di valutare se l’ecografia tridimensionale (3D) e quadridimensionale (4D) ha dei vantaggi rispetto all’ecografia bidimensionale (2D) nella diagnostica delle più frequenti malformazioni fetali: cardiopatie congenite e anomalie del sistema nervoso centrale. Ci sono evidenze di come l’ecografia 3D faciliti l’identificazione delle scansioni diagnostiche ecografiche riducendo sia la dipendenza dell’operatore che i tempi necessari per lo studio ecografico senza ridurre la qualità delle immagini. Inoltre, anche gli operatori con minima esperienza possono acquisire i volumi per poi rianalizzarli in sede o inviarli via internet a esperti per ottenere un supporto diagnostico. Su queste basi l’ecografia 3D si propone di diventare in futuro la migliore metodica per lo studio delle malformazioni fetali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

giuseppe.rizzo@uniroma2.it