Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3) > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):299-304

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  NOVITÀ 2011 IN GINECOLOGIA


Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):299-304

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Profilo farmacologico degli estrogeni nella contraccezione orale

Bitzer J.

Department of Obstetrics and Gynecology University Hospital Basel, Basel, Switzerland


PDF  


L›estrogeno sintetico etinilestradiolo (EE) somministrato per via orale è stabile e mostra risultati soddisfacenti in termini di inibizione dell›ovulazione ed effetti sull›endometrio. Tuttavia, esso aumenta il rischio soprattutto di eventi trombotici venosi e in misura minore di eventi trombotici arteriosi. La ricerca si è quindi concentrata sulla diminuzione del dosaggio di EE e sullo sviluppo di una diversa componente estrogenica nei contraccettivi orali, specificamente di un estrogeno coinvolto nei processi fisiologici del corpo femminile. Due estrogeni sono emersi: il 17ß estradiolo è il più potente estrogeno naturale ed è il principale estrogeno secreto dalle ovaie. L›estetrolo è uno steroide sessuale umano (15 alfa idrossiestradiolo) prodotto esclusivamente durante la gravidanza dal fegato fetale. Le proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche di tali estrogeni sono state paragonate a quelle di EE (assorbimento, metabolizzazione, biodisponibilità ecc.) ed è stato descritto il profilo clinico in base alle attuali conoscenze provenienti da un ristretto numero di studi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jbitzer@uhbs.ch