Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 Giugno;63(3) > Minerva Ginecologica 2011 Giugno;63(3):275-86

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2011 Giugno;63(3):275-86

NOVITÀ 2011 IN GINECOLOGIA 

Modulatori selettivi dei recettori degli estrogeni: il futuro nel trattamento della menopausa

Palacios S.

DPalacios Institute of Woman’s Health Madrid, Spain

I risultati degli studi sulla terapia ormonale (HT) hanno modificato la percezione dei rischi e benefici della HT. I modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERMs) sono i farmaci con attività agonista/antagonista del recettore tessuto-specifico degli estrogeni e rappresentano un’alternativa all’HT. Ogni SERM stimola e blocca diversi geni con diverse risposte biologiche. I SERMs già in uso o di seconda generazione sono il tamoxifene e il raloxifene. Entrambi i SERM hanno effetti positivi sulla mammella, sull’osso e sui lipidi, ma comportano un rischio più elevato per quanto riguarda il tromboembolismo venoso e le vampate di calore. Nessuno di questi SERM ha mostrato un effetto preventivo sulle fratture non-vertebrali. Attualmente esiste una nuova generazione di SERM (terza generazione: bazedoxifene, lasofoxifene e ospemifene) che ha completato la fase III della sperimentazione clinica e è stata sottoposta all’Health Regulatory Authorities per approvazione. Un nuovo concetto, il complesso tessuto-selettivo degli estrogeni (TSEC), ha il potenziale per dimostrare i benefici dei SERMs con i benefici addizionali degli estrogeni. C’è ancora molta strada da fare per il SERM ideale, ma i nuovi SERMS rappresentano qualcosa di interessante per il recente trattamento della menopausa.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina