Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3) > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):237-45

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):237-45

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Aspetti psichici del disturbo disforico della fase luteale: nuove prospettive terapeutiche, il vitex agnus castus. Nostra esperienza

Ciotta L. 1, Pagano I. 1, Stracquadanio M. 1, Di Leo S. 1, Andò A. 2, Formuso C. 1

1 Istituto di Patologia Ostetrica e Ginecologica, Università degli Studi di Catania, Catania, Italia; 2 Corso di Laurea Specialistica in Psicologia, Università degli Studi di Catania, Catania, Italia


PDF  


Obiettivo. Il disturbo disforico della fase luteale (premenstrual dysphoric disorder, PMDD) è uno dei principali disturbi della fase premestruale. E’ caratterizzato da sintomi talvolta invalidanti la sfera lavorativa, sociale e psico-affettiva delle pazienti, richiedendo quindi un approccio diagnostico e terapeutico quanto più minuzioso ed accurato possibile. Le strategie terapeutiche a disposizione per questa patologia sono molteplici, ma di recente, l’attenzione si è rivolta sul vitex agnus castus (VAC), considerato da numerose evidenze scientifiche come farmaco di prima scelta sia per la PMS che per il PMDD, essendo dotato di soddisfacenti proprietà terapeutiche e con esigui effetti collaterali.
Metodi e risultati. Il nostro studio che ha valutato un gruppo di pazienti affette da PMDD e l’efficacia clinica di un trattamento con VAC (e paragonata tale efficacia ai risultati ottenuti in un altro gruppo omogeneo di pazienti trattato con fluoxetina).
Conclusioni. Lo studio conferma i dati riportati in letteratura, inerenti l’efficacia di una terapia con VAC in assenza di effetti collaterali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lilliana.ciotta@tin.it