Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 April;63(2) > Minerva Ginecologica 2011 April;63(2):119-35

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  PROCREAZIONE ASSISTITA


Minerva Ginecologica 2011 April;63(2):119-35

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Iperstimolazione ovarica controllata

Willis M. Y., Browne A. S., Session D. R., Spencer J. B.

Division of Reproductive Endocrinology and Infertility, Department of Gynecology and Obstetrics, Emory University School of Medicine, Atlanta, GA, USA


PDF  


L’iperstimolazione ovarica controllata (IOC) comporta la somministrazione di farmaci per os e/o per via endovenosa per indurre l’ovulazione in pazienti sterili senza ovulazione, e la superovulazione in pazienti sterili con ovulazione. Le diverse tipologie di farmaci e di protocolli della IOC sono state riviste. I farmaci somministrati per os come il clomifene e il letrozolo dovrebbero essere la prima scelta nella maggior parte delle pazienti, eccezion fatta per I casi di amenorrea ipogonadotropica. I tassi di gravidanza sono maggiori con I farmaci somministrati per via endovenosa, il “follicle stimulation hormone” (FSH) e le “human menopausal gonadotropins” (hMG), rispetto ai farmaci somministrati per os; tuttavia, I farmaci iniettabili hanno un maggior rischio di gestazione multipla, di sindrome di iperstimolazione ovarica, maggiori costi e richiedono un più stretto monitoraggio. In questo articolo, vengono discusse le strategie per aumentare la risposta a questi farmaci nelle pazienti affette da sindrome dell’ovaio policistico, comprese quelle che prevedono l’aggiunta di metformina e/o desametasone. Protocolli combinati che prevedono l’assunzione di gonadotropine per os e per via endovenosa dovrebbero ridurre I rischi e I costi senza compromettere le possibilità di gravidanza. Le pazienti affette da amenorrea ipogonadotropa traggono benefici dall’aumento dell’attività del “leutinizing hormone” (LH), con hMG, “recombinant leutinizing hormone” (rLH) o gonadotropina corionica umana a basso dosaggio per la stimolazione del FSH. Il supporto della fase ovulatoria e luteale con progesterone è solitamente raccomandata in cicli per via endovenosa ma non con formulazioni per os.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jbspenc@emory.edu