Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 Aprile;63(2) > Minerva Ginecologica 2011 Aprile;63(2):89-102

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  PROCREAZIONE ASSISTITA


Minerva Ginecologica 2011 Aprile;63(2):89-102

lingua: Inglese

Meccanismi di selezione e sviluppo del follicolo

Son W.-Y., Das M., Shalom-Paz E., Holzer H.

MUHC Reproductive Center, Department of Obstetrics and Gynecology, Royal Victoria Hospital, McGill University, Montreal, QC, Canada


PDF  


Il reclutamento e la selezione del follicolo, il processo che porta al follicolo dominante (FD) e lo stato fisiologico del FD sono interessanti aree di ricerca. La selezione di un singolo follicolo ovarico per una successiva differenziazione e infine per l’ovulazione è un fenomeno condiviso nelle specie monovolutatorie, tra cui quella umana. Il FD si differenzia dagli altri follicoli poiché sfugge all’atresia (destino di tutti gli altri follicoli). I FD sviluppano il corpo luteo se esposti all’ondata di LH. Diversi meccanismi per la selezione del FD sono stati proposti. Crescenti concentrazioni di follicle stimulating hormone (FSH) inducono la formazione di un’onda di follicoli con successiva selezione del FD quando le concentrazioni di FSH diminuiscono. Le secrezioni del gruppo di follicoli sono inizialmente responsabili della diminuzione della concentrazione di FSH, che viene quindi ulteriormente ridotta dal FD selezionato a livelli inferiori a quelli soglia necessari per tutti gli altri follicoli. Il FD acquisisce una relativa indipendenza dal FSH continuando la crescita e differenziazione durante la progressiva diminuzione delle concentrazioni di FSH. La transizione di dipendenza da FSH a LH è considerata il meccanismo alla base del continuo sviluppo del FD selezionato. Inoltre, FSH e l’insulin-like-growth factor (IGF) aumentano reciprocamente la loro capacità di stimolare la funzione del follicolo. Il legame di IGF II al loro recettore è regolato dalle IGF binding proteins che sono a loro volta regolate da specifiche proteasi; tutte queste proteine avrebbero un ruolo specifico nello sviluppo del FD. Un altro meccanismo recentemente proposto per la selezione del FD è la possibile regolazione differenziale della formazione di vasi sanguigni. Anche l’ormone anti-Mülleriano (AMH) riveste un ruolo critico nella selezione del FD. I livelli di AMH diminuiscono all’aumentare delle dimensioni del follicolo. Quando i follicoli raggiungono una dimensione alla quale sono dominanti, tale ormone è pressochè scomparso. Dal momento in cui un follicolo è selezionato, il follicolo destinato all’ovulazione aumenta notevolmente di dimensioni e mostra evidenti cambiamenti nella sua attività steroidogenica. L’ondata di LH causa una significativa diminuzione delle gap junctions determinando la dissociazione delle cellule della granulosa (CG) murale e l’espansione del complesso cumulo-oocita (CCO). L’ovocita ricomincia le sue meiosi e passa dalla profase 1 alla metafase 2 al momento dell’ovulazione. Il concetto di selezione del FD potrebbe essere applicato al programma di maturazione in vitro (MIV). La comprensione del meccanismo di selezione del FD nei cicli mestruali è la chiave nella pianificazione del momento ottimale per l’estrazione dell’ovocita per ottenere ovociti ed embrioni competenti. Sebbene vi sia tuttora ampio dibattito circa il timing di estrazione dell’ovocita, vi è evidenza che suggerisce che sia consigliabile estrarre gli ovociti prima che la piccola coorte di follicoli completi il processo di atresia dopo la selezione del FD

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

weon-young.son@muhc.mcgill.ca