Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 Febbraio;63(1) > Minerva Ginecologica 2011 Febbraio;63(1):31-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2011 Febbraio;63(1):31-8

 REVIEW

Idrolaparoscopia trans vaginale

Daraï E., Coutant C., Dessolle L., Ballester M.

Department of Gynecology and Obstetrics, Hôpital Tenon, Assistance Publique des Hôpitaux de Paris, Université Pierre et Marie Curie Paris 6, Paris, France

Nel 1998, Gordts et al. hanno introdotto il concetto di idrolaparoscopia transvaginale (THL) per esplorare la cavità pelvica attraverso un’incisione vaginale utilizzando una soluzione salina. Diverse revisioni hanno validato il concetto della THL confrontandola con il gold standard, ossia la laparoscopia. In una revisione della Letteratura su 187 pazienti provenienti da sei studi (tra cui uno studio prospettico in doppio cieco), è stata riscontrata un’elevata concordanza tra la THL e la laparoscopia, con valori compresi tra 77,8% e 100%. In una revisione di 1516 THL, il tasso di insuccesso è stato del 5,4% e correlato all’utero retroverso ed alla presenza di aderenze. Un’altra revisione di 1205 THL aveva concluso che la completa esplorazione della pelvi, con visualizzazione bilaterale di tube e ovaie era possibile nel 88,3% dei casi. In una revisione di 4232 procedure provenienti da 10 studi, lesioni jatrogeniche intestinali si sono verificate nello 0,61% dei casi. In uno studio multicentrico, l’incidenza di perforazione intestinale è stato dello 0,65% e si è ridotta allo 0,25% dopo un’iniziale curva di apprendimento di 50 THL: il 92% di queste lesioni intestinali è stato trattato in maniera conservativa, senza conseguenze. Oltre alla THL diagnostica, la rilevanza clinica della THL operativa è stata validata soprattutto per il “drilling” ovarico nella sindrome dell’ovaio policistico. Nonostante i vantaggi della THL in termini di costi, l’affidabilità rispetto alla laparoscopia nel diagnosticare alterazioni pelviche e la sua superiorità nel rilevare lesioni di piccole dimensioni, oltre alla possibilità di essere condotta in anestesia locale con la partecipazione della coppia, la diffusione della THL rimane relativamente limitata, sottolineando la necessità di incoraggiare questa procedura mini-invasiva.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina