Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 Dicembre;62(6) > Minerva Ginecologica 2010 Dicembre;62(6):559-65

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  AGGIORNAMENTO SUL CANCRO DELLA MAMMELLA


Minerva Ginecologica 2010 Dicembre;62(6):559-65

lingua: Inglese

Micro RNAs nella patogenesi del cancro mammario

Götte M.

Research Laboratory, Department of Gynecology and Obstetrics, Münster University Hospital, Münster, Germany


PDF  ESTRATTI


I micro RNAs (miRNAs) sono piccoli RNA non codificanti che regolano processi cellulari e dello sviluppo fondamentali a livello trascrizionale e translazionale. Nel cancro della mammella, l’espressione di miRNAs è frequentemente deregolata. Sia proprietà oncosoppressorie sia proprietà oncogeniche sono state assegnate a specifici miRNAs, che modulano virtualmente tutte le fasi fondamentali della progressione del cancro della mammella, compresa la proliferazione delle cellule tumorali, la resistenza all’apoptosi, la migrazione di cellule tumorali, l’invasività e la metastatizzazione, l’angiogenesi tumorale e l’autorinnovamento delle cellule staminali tumorali. L’espressione di miRNA è stata studiata con microarray, tecnologie “bead-based” e PCR quantitativa “real-time” su campioni tumorali fissati in formalina e inclusi in paraffina, come pure su campioni di sangue e siero, permettendo di identificare specifici miRNAs come nuovi marcatori diagnostici, prognostici e predittivi. Inoltre, lo studio di polimorfismi di singoli nucleotidi sia nei siti di legame putativi dei miRNA nei 3‘UTRs dei geni bersagli, sia nei geni che codificano miRNA ha rivelato il loro potenziale diagnostico. Esperimenti in vitro che hanno utilizzato determinate linee cellulari di cancro della mammella e studi di xenotrapianto in vivo hanno dimostrato l’efficacia dell’overespressione basata su oligonucleotidi e di approcci inibitori di terapie sperimentali che hanno gli miRNA come obiettivo. Numerosi studi hanno identificato bersagli specifici dell’azione di miRNA nel cancro della mammella, tra cui marcatori noti come Her2/neu e ERalpha, TP53, e marcatori di angiogenesi. La futura applicazione di inibitori “locked-nucleic acid” di miRNA e approcci sinergici con le opzioni terapeutiche convenzionali del cancro della mammella aprono nuovi scenari nella terapia del cancro.

inizio pagina