Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 Ottobre;62(5) > Minerva Ginecologica 2010 Ottobre;62(5):447-65

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTO IN GINECOLOGIA


Minerva Ginecologica 2010 Ottobre;62(5):447-65

lingua: Inglese

Trattamento del dolore pelvico cronico

Benjamin-Pratt A. R., Howard F. M.

Division of Gynecologic Specialties, University of Rochester School of Medicine and Dentistry, Rochester, NY, USA


PDF  


Il dolore pelvico cronico (DPC) è un disturbo frequentemente riferito dalle donne al ginecologo e al medico di base. La valutazione del DPC comporta un’attenta anamnesi non solo ostetrica e ginecologica ma anche relativa a disordini gastrointestinali, urologici, muscolo-scheletrici, e neurologici. Inoltre, è necessario un dettagliato esame obiettivo. Il trattamento del DPC dipende soprattutto dalla causa. Tra le cause ginecologiche vi sono l’endometriosi, la malattia infiammatoria cronica, le aderenze, la sindrome da congestione pelvica, la sindrome da ritenzione ovarica, la sindrome dell’ovaio residuo, l’adenomiosi e i leiomiomi. Alcune cause non ginecologiche sono la cistite interstiziale/sindrome della vescica dolorosa, la sindrome del colon irritabile, la mialgia tensiva del pavimento pelvico, e la sindrome del dolore miofasciale addominale. I trattamenti sono diretti alle cause specifiche o possono essere diretti al trattamento del dolore. La terapia più efficace utilizza entrambi gli approcci. La diagnosi e il trattamento di ciascuno delle patologie sopracitate, e il trattamento del DPC stesso, vengono discussi in questo articolo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

amy_benjamin-pratt@urmc.rochester.edu