Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 October;62(5) > Minerva Ginecologica 2010 October;62(5):415-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  AGGIORNAMENTO IN GINECOLOGIA


Minerva Ginecologica 2010 October;62(5):415-32

lingua: Inglese

Trattamenti medici per l’endometriosi

Kappou D., Matalliotakis M., Matalliotakis I.

Department of Obstetrics and Gynecology, University of Crete, Heraklion, Greece


PDF  


Nonostante numerosi studi, l’endometriosi rimane una patologia con molti punti oscuri, non essendoci tuttora un consenso circa i meccanismi che potrebbero spiegare il suo sviluppo e la sua evoluzione. Un ambiente ricco di estrogeni, la resistenza al progesterone, la risposta infiammatoria locale e altre numerosi alterazioni molecolari sembrerebbero essere fattori fondamentali nell’insorgenza e nello sviluppo del tessuto ectopico. Alla luce delle evidenze prodotte dagli studi di patologia molecolare, in vivo e in vitro, vengono anticipate alcune modificazioni nelle attuali opzioni terapeutiche. L’attuale trattamento dell’endo-metriosi è basato sul trattamento farmacologico e sull’intervento chirurgico. In particolare, i contraccettivi orali combinati, il danazolo, gli analoghi del gonado-tropin-releasing hormone (GnRH) e i progestinici sono stati ampiamente impiegati nella pratica clinica. Nuovi agenti che si spera miglioreranno il potenziale terapeutico sono gli inibitori delle aromatasi, gli immunomodulatori, i farmaci anti-infiammatori, i modulatori dei recettori steroidei e gli antagonisti del GnRH. È ancora presto per definire il ruolo di queste sostanze, essendo tuttora limitate le conoscenze relative ai loro effetti collaterali a breve e a lungo termine, la loro via di somministrazione ottimale, la loro selettività nei confronti di geni target e la durata del trattamento. Sebbene vengano riportati continuamente nuovi dati, l’applicazione di questi farmaci nella pratica clinica avverrà a lungo termine, poichè sono necessari trial clinici prospettici per valutarne l’efficacia e la sicurezza di tali trattamenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

matakgr@yahoo.com