Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 October;62(5) > Minerva Ginecologica 2010 October;62(5):403-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2010 October;62(5):403-14

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Analisi retrospettiva su un anno di tagli cesarei: indicazioni e fattori di rischio per taglio cesareo in travaglio di parto

Driul L. 1, Londero A. P. 1, Salvador S. 1, Fruscalzo A. 2, Peris Bhat S. A. 1, Citossi A. 1, Fabiani G. 1, Bertozzi S. 3, Marchesoni D. 1

1 Clinica di Ginecologia ed Ostetricia, AOU “SMM della Misericordia”, Udine, Italia;
2 Clinica di Ginecologia ed Ostetricia Gesundheitszentrum Rheine - Mathias-Spital Rheine, Germania;
3 Clinica di Semeiotica Chirurgica, AOU “SMM , della Misericordia”, Udine, Italia


PDF  


Obiettivo. Il taglio cesareo (TC) è attualmente l’intervento chirurgico più eseguito al mondo. Fra le principali indicazioni si annoverano il pregresso taglio cesareo, la presentazione podalica del feto e la macrosomia fetale nel caso di cesarei eseguiti fuori travaglio, nonchè il distress fetale e una prima o seconda fase del travaglio anomalmente prolungate per i cesarei realizzati a travaglio già avviato. Nonostante la netta riduzione della mortalità e morbilità fetale in selezionate circostanze, le complicanze materne del TC sono sensibilmente maggiori rispetto al parto vaginale. Gli obiettivi di questo studio sono stati quelli di valutare le indicazioni e gli outcome materni e neonatali nella popolazione sottoposta a TC fuori dal travaglio o a travaglio iniziato, e analizzare i fattori di rischio per TC a travaglio avviato.
Metodi. Sono stati analizzati retrospettivamente i dati relativi ai 1748 parti effettuati nel corso del 2006 presso la Clinica di Ginecologia ed Ostetricia dell’AOU di Udine. In particolare sono state analizzate le 603 cartelle cliniche materne e le relative cartelle neonatali della popolazione sottoposta a TC. È stata effettuata una valutazione delle indicazioni e degli outcome materni e neonatali nella popolazione sottoposta a TC elettivo, TC per urgenze antepartali o a travaglio iniziato, ed è stata effettuata un’analisi multivariata per definire i fattori di rischio per TC a travaglio avviato.
Risultati. I TC rappresentano il 34,5% di tutti i parti nel 2006. Gli elettivi rappresentano il 42.1%, le urgenze antepartali il 21,1%, quelle a travaglio avviato il 36.8%. La prima causa di TC è il pregresso TC nel caso delle elezioni, la patologia ipertensiva della gravidanza nel caso delle urgenze antepartali, e le alterazioni cardiotocografiche nel caso delle urgenze a travaglio avviato. In regressione logistica multivariata risultano fattori di rischio indipendenti per TC a travaglio avviato un eccessivo incremento ponderale in gravidanza e l’induzione medica di travaglio.
Conclusioni. Oltre che tendere ad un tasso ottimale di TC, sarebbe opportuno in futuro valutare con maggior precisione le esigenze della madre e del neonato, al fine di selezionare i casi in cui vi sia una reale esigenza di TC ed agire sui fattori di rischio modificabili per taglio cesareo a travaglio avviato, come l’eccessivo incremento ponderale in gravidanza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

ambrogio.londero@gmail.com