Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 Agosto;62(4) > Minerva Ginecologica 2010 Agosto;62(4):303-17

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2010 Agosto;62(4):303-17

CONTRACCEZIONE 

Evoluzione e futuro della contraccezione

Cagnacci A., Ferrari S.

Dipartimento Materno Infantile, Ginecologia e Ostetricia, Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena Modena, Italia

I contraccettivi sono da sempre terreno di continua evoluzione per la necessità di disporre di metodi sempre più efficaci e sicuri. L’evoluzione ha portato ad una riduzione progressiva del dosaggio estrogenico dell’etinilestradiolo ed alla sostituzione della molecola con l’estrogeno naturale. Al fine di migliorare l’individualizzazione della scelta contraccettivo, sono state introdotte numerose nuove molecole progestiniche. L’individualizzaione della contraccezione ha anche portato allo sviluppo di nuovi schemi terapeutici e allo sviluppo di vie parenterali per la somministrazione ormonale quali la via intravaginale, la via subdemica, la via transdermica o la via iniettiva. L’ evoluzione delle IUD ha portato a sistemi sempre più piccoli e facili da inserire e talvolta in grado di rilasciare localmente un progestinico. Nuovi spermicidi in grado di proteggere anche dalle malattie sessualmente trasmesse sono in via di sperimentazione. La contraccezione di emergenza è divenuta più sicura e tollerabile. La recente introduzione di molecole in grado di modulare l’attività mediata dai recettori per il progesterone, sembra inoltre portare ad un aumento dell’efficacia della contraccezione di emergenza ed ad un allungamento della finestra in cui questa è attiva.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina