Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2010 Febbraio;62(1) > Minerva Ginecologica 2010 Febbraio;62(1):7-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2010 Febbraio;62(1):7-16

lingua: Inglese, Italiano

Analisi visuale dell’adesione e ritenzione vaginale di una lavanda ginecologica

Braga P. C. 1, Spallino A. 1, Dal Sasso M. 1, Sturla C. 2, Culici M. 1

1 Department of Pharmacology, School of Medicine, University of Milan, Milan, Italy
2 S. Antonio Abate University Hospital, Gallarate, Varese, Italy


PDF  


Obiettibo. Le lavande ginecologiche devono essere in grado di ricoprire ed essere trattenute dalle superfici cutanee e/o mucose affinché le varie molecole in esse contenute possano agire in modo efficace nel trattamento delle affezioni locali. Lo scopo di questo studio è stato quindi quello di valutare la possibilità di visualizzare direttamente la capacità di una lavanda vaginale di ricoprire ed essere trattenuta dalle cellule vaginali umane.
Metodi. È stata studiata la lavanda vaginale “Saugella attiva”, acquistata in farmacia. Le cellule vaginali erano ottenute da donne di età variabile tra i 25-52 anni, in buone condizioni di salute, non gravide e non utilizzanti trattamenti locali, con mestruazioni regolari. Le cellule venivano ottenute mediante spatolamento delle pareti vaginali con una spatola sterile. Un particolato di ossido di ferro e l’Escherichia coli sono stati utilizzati come marcatori inorganici ed organici allo scopo di visualizzare mediante la microscopia a contrasto interferenziale di Nomarski e la microscopia elettronica a scansione la capacità del sottile film trasparente della lavanda di aderire e di essere trattenuto sulle cellule vaginali umane.
Risultati. Ambedue i marcatori si sono rivelati utili rendendo possibile la visualizzazione del sottile strato di lavanda anche alle diluizioni di 1:2 e di 1:4.
Conclusioni. Il fatto che la lavanda possa essere trattenuta localmente è un elemento utile in quanto la sua formulazione contiene il timolo e l’eugenolo che sono dotati di noti effetti antibatterici, antifungini ed antiossidanti, ma che necessitano di un certo periodo di tempo di contatto per agire pienamente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

piercarlo.braga@unimi.it