Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5) > Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5):465-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5):465-8

 CASI CLINICI

Spostamento ovarico laterale per via laparoscopica: una procedura cher preserva la fertilità

Ferrari S., Persico P., Di Puppo F., Giardina P., Ferrari A.

Obstetrics and Gynecology Department Vita-Salute University, San Raffaele Hospital, Milan, Italy

Questo articolo descrive il caso di un soggetto di sesso femminile di 30 anni d’età a cui fu diagnosticato nel 2003 un linfoma diffuso a grosse cellule B che coinvolgeva il fornice vaginale sinistro, con sclerosi associata. Dopo sei cicli di chemioimmunoterapia la paziente è stata sottoposta a un intervento per via laparoscopica al fine di spostare lateralmente l’ovaio per risparmiarne la funzionalità in vista di una radioterapia. Sei mesi dopo lo spostamento è stata eseguita una valutazione della funzionalità ovarica. L’asse ipotalamo-ipofisi-ovaio risultò essere normale. Tre anni dopo la radioterapia (2006) la paziente ebbe una gravidanza per vie naturali, che è proseguita regolarmente. Il parto è stato eutocico, senza alcuna complicanza. Lo spostamento ovarico laterale, con conservazione anatomica della tuba, che è una tecnica poco utilizzata, può essere usato con successo per risparmiare la funzionalità ovarica nelle pazienti che devono sottoporsi a radioterapia pelvica, consentendo loro di poter avere future gravidanze spontanee.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina