Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5) > Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5):453-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2009 Ottobre;61(5):453-8

 NOTE DI TECNICA

Contraccettivi a basso dosaggio: quelli contenenti 30 mg sono ancora da prescrivere?

De Leo V. 1, Caruso S. 2, Scolaro V. 1, Cianci A. 2

1 Istituto di Ginecologia e Ostetricia, Università degli Studi di Siena, Siena, Italia
2 Istituto di Ginecologia e Ostetricia, Università degli Studi di Catania, Catania, Italia

La scelta tra un contraccettivo ormonale (CO) contenente 30 mcg di etinilestrdiolo (EE) e quello con 20 mcg è determinata da obiettivi clinici dall’anamnesi ginecologica. Non sempre la dose più bassa di EE induce meno effetti collaterali rispetto alla dose più alta. Pillole contenenti 20 mcg di EE spesso provocano disturbi del ciclo e della sessualità tali da richiederne l’interruzione. L’apparato genitale esterno risente negativamente di una bassa concentrazione estrogenica e la comparsa di secchezza vaginale e dispareunia sono la classica conseguenza. Dal punto di vista endocrino le pillole 20 mcg di EE inducono un minore incremento della globulina legante gli ormoni sessuali rispetto a quelle con 30 mcg e questo può in qualche modo ridurre la capacità antiandrogena della pillola anticoncezionale. In periodo postadolescenziale l’utilizzo di un CO contenente 30 mcg di EE induce un miglior picco di massa ossea in particolare nelle donne magre. CO con 30 g di EE esercitano una migliore soppressione ovarica dimostrata da una minore produzione steroidea nella settimana di interruzione. Inoltre sono sicuramente più efficaci nell’impedire la formazione di cisti ovariche nelle donne affette da disfunzioni endocrine quali la micropolicistosi ovarica o che hanno sofferto di cisti luteo emorragiche. Se si pensa che un CO contente 30 g di EE sia più indicato rispetto ad uno contenente 20, quelli associa ad un progestinico ad attività antiandrogena in quanto garantiscono alla donna migliori risultati sia in termini cosmetici che endocrini.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina