Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 August;61(4) > Minerva Ginecologica 2009 August;61(4):347-55

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  MEDICINA RIPRODUTTIVA: UN PONTE VERSO IL FUTURO


Minerva Ginecologica 2009 August;61(4):347-55

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione delle complicanze associate alle tecniche di riproduzione assistita

Patchava S., Gelbaya T. A., Nardo L. G.

Department of Reproductive Medicine and IVF Unit, St Mary’s Hospital, CMFT University Hospitals, Manchester, UK


PDF  


Il concepimento difficoltoso ha aumentato la richiesta di riproduzione assistita. Attualmente in tutto il mondo oltre l’1% dei bambini vengono concepiti grazie a tecniche di riproduzione assistita (assisted reproductive technologies, ART) e questo numero è probabile che continuerà ad aumentare. Come per qualsiasi altro intervento medico, la ART è associata a complicanze sia a breve che a lungo termine. Le principali complicanze a breve termine comprendono la sindrome da iperstimolazione ovarica (ovarian hyperstimulation syndrome, OHSS) e le gravidanze plurigemellari. La OHSS è difficile da prevedere, ma sono in corso di sviluppo meticolose strategie preventive e protocolli che potrebbero limitarne la comparsa. La maggior parte delle morbidità dei bambini nati dopo ART sono correlate alle gravidanze plurigemellari. Nuove tecnologie laboratoristiche consentono il trasferimento in un numero inferiore di embrioni, pur mantenendo soddisfacente i tassi di nati vivi, riducendo contemporaneamente il rischio di gravidanze plurigemellari. La fertilizzazione in vitro può associarsi ad un leggero aumento del rischio di difetti alla nascita. L’analisi dei possibili rischi legati a queste tecniche è influenzata da fattori sottostanti legati alla ipofertilità dei genitori, ai trattamenti per la fertilità e ai parti plurigemellari. Le sequele a lungo termine restano largamente indeterminate. Quando si deve scegliere il trattamento adeguato si devono confrontare tutti i decorsi delle ART con quelli delle nascite non –ART, prendendo in considerazione i tassi di gravidanza e le complicanze. L’importanza del counselling non dovrebbe mai essere ignorata quando si prende una qualsiasi decisione relativa al trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail