Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 August;61(4) > Minerva Ginecologica 2009 August;61(4):319-37

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  MEDICINA RIPRODUTTIVA: UN PONTE VERSO IL FUTURO


Minerva Ginecologica 2009 August;61(4):319-37

lingua: Inglese

L’importanza della chirurgia laparoscopica per la stadiazione dei cancri di interesse ginecologico: presente e futuro

Mettler L. 1,2, Meinhold-Heerlein I. 1

1 Kiel School of Gynecological Endoscopy, Department of Gynecology and Obstetrics, University Hospital Schleswig-Holstein Kiel, Germany
2 Department of Gynaecology and Obstetrics, University Hospital Aachen, Aachen, Germany


PDF  


Da decenni la gestione per via laparoscopica dei cancri di interesse ginecologico è stata oggetto di discussioni e controversie. Da un punto di vista tecnico si è avuto un grande progresso, che ha reso possibile ai chirurghi esperti di procedure per via laparoscopica di eseguire la maggior parte degli interventi ginecologici per il trattamento di patologie oncologiche, quali l’isterectomia, l’omentectomia, l’asportazione di linfonodi pelvici e para-aortici. Sebbene l’affidabilità della laparoscopia per quanto riguarda la sicurezza oncologica e il decorso delle pazienti non sia stata dimostrata dagli studi clinici randomizzati, molti studi eseguiti su migliaia di pazienti hanno rivelato la fattibilità e l’ottenimento di risultati simili circa il decorso oncologico tra la laparoscopia e la laparotomia. Di conseguenza, l’approccio laparoscopico è divenuto ben accetto per alcune indicazioni oncologiche, specialmente quando si devono trattare casi in stadi iniziali. Queste indicazioni sono anche oggetto di valutazione in diversi studi clinici di fase III attualmente in corso: lo studio LACC001 confronta l’isterectomia radicale per via totalmente o l’isterectomia radicale totalmente robotizzata con l’isterectomia radicale per via totalmente laparotomica per il trattamento del cancro cervicale in stadio iniziale. Gli studi GOG LAP 2 e il LACE001 confrontano l’isterectomia per via totalmente laparoscopica con l’isterectomia per via totalmente laparotomica per il cancro endometriale in stadio iniziale, per il quale a seconda dello stadio e della gravità si devono eseguire la salpingo-ooforectomia bilaterale e l’asportazione dei linfonodi para-aortici. Questa review riassume lo stato dell’arte della laparoscopia nel settore dell’oncoginecologia, sulla base della letteratura disponibile, degli studi clinici in corso e delle raccomandazioni fornite dal German Gynecologic Oncology Group.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail