Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 Giugno;61(3) > Minerva Ginecologica 2009 Giugno;61(3):187-99

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

  GYNECOLOGICAL ENDOSCOPY


Minerva Ginecologica 2009 Giugno;61(3):187-99

lingua: Inglese

Chirurgia robotica in ginecologia

Frick A. C., Falcone T.

Obstetrics, Gynecology and Women’s Health Institute The Cleveland Clinic, Cleveland, OH, USA


PDF  ESTRATTI


La chirurgia robotica si è evoluta, nelle ultime decadi, passando dall’essere una forma di approccio chirurgico esplorativo a una forma aggiuntiva utile dal punto di vista clinico in numerose specialità chirurgiche. I sostenitori della chirurgia ginecologica robot-assistita esaltano il ruolo della strumentazione Endo-Wrist, il posizionamento ergonomico, e il sistema di visione ad alta definizione tridimensionale come dei significativi miglioramenti rispetto allo strumentario della chirurgia laparoscopica, con quattro gradi di libertà e un laparoscopio bi-dimensionale, che richiedono al chirurgo operatore di fermarsi in ogni parte di una procedura. I costi, la mancanza di feedback tattile e le dimensioni ingombranti rendono la tecnologia robotica meno affascinante per altri chirurghi. Gli studi pubblicati in Letteratura che hanno valutato gli outcome della chirurgia ginecologica robot-assistita sono in numero limitato. Numerose serie retrospettive di piccole dimensioni dimostrano la sicurezza e la fattibilità dell’isterectomia robotica. Aumentando l’esperienza del chirurgo, i tempi operatori sono paragonabili, o addirittura minori, rispetto a quelli ottenuti con la chirurgia laparoscopica. L’assistenza robotica può facilitare la fase della sutura durante le miomectomie laparoscopiche, con ridotte perdite ematiche e una degenza ospedaliera postoperatoria più breve, sebbene richieda tempi operatori più prolungati. La tecnologia robotica è stata, inoltre, applicata in numerose procedure chirurgiche nelle sottospecialità dell’infertilità, dell’uroginecologia e dell’oncologia ginecologica, con buoni risultati e relativamente bassa morbilità. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per valutare meglio i benefici e i costi relativi alla chirurgia ginecologica robot-assistita.

inizio pagina