Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1) > Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1):77-80

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1):77-80

 CASI CLINICI

Metastasi uterine da melanoma in una paziente con metrorragia atipica postmenopuasale

Simeone S., Laterza M. M., Scaravilli G., Capuano S., Serao M., Orabona P., Rossi R., Balbi C.

1 Freelance Doctor
2 Unit of Ginecology and Obstetrics Sant’Anna and S. Sebastiano Hospital, Caserta, Italy
3 Operative Unit of Pathological Anatomy Sant’Anna and S. Sebastiano Hospital, Caserta Italy

Le metastasi uterine di melanoma cutaneo sono molto rare. Finora, un unico caso si è verificato nel nostro dipartimento. Caso clinico: una donna di 54 anni plurigravida si presenta con una metrorragia di origine non determinata. L’isteroscopia e la biopsia endometriale escludono inizialmente una patologia tumorale. La diagnosi iniziale è: utero fibromatoso voluminoso. Viene quindi effettuata una laparoisterectomia totale con annessiectomia bilaterale, durante la quale si rendono evidenti metastasi al tratto genitale. L’esame istopatologico del campione operatorio consente di scoprire delle cellule tumorali melanomatose ed un attento esame fisico permette di individuare un nevo cutaneo, la cui escissione ed esame istologico ne dimostrano la malignità. La diagnosi finale è di melanoma metastatico al tratto genitale. In una paziente con sanguinamento uterino anomalo ed utero fibromatoso, è importante un accurato iter diagnostico che escluda una patologia tumorale, anche insolita.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina