Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 February;61(1) > Minerva Ginecologica 2009 February;61(1):57-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2009 February;61(1):57-66

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aderenze postchirurgiche: attuali strategie preventive

Palaia I., Boni T., Angioli R., Muzii L., Polidori N. F., Andrei N. F., Musella A., De Oronzo M. A., Guzzo F., Benedetti Panici P.

1 Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia Università di Roma “La Sapienza”, Roma, Italia
2 Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia Università Campus Bio-Medico di Roma Roma, Italia


PDF  


Le aderenze postchirurgice sono costituite da tralci di tessuto fibroso cicatriziale che creano connessioni anomale tra le superfici di uno stesso organo e/o tra organi diversi. Lo sviluppo di aderenze postoperatorie rappresenta una comune sequela in tutti i pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia addominale o pelvica. L’aumento dell’età media della popolazione e sempre maggiore sviluppo di nuove tecniche chirurgiche fanno presupporre per il futuro un maggior numero di reinterventi e quindi un aumento dei problemi correlati alle aderenze. L’impiego di tecniche chirurgiche mini-invasive, la limitazione delle aree di incisione, il contenimento della disidratazione dei tessuti nel corso della chirurgia e un’accurata emostasi rappresentano un valido strumento di prevenzione. L’utilizzo di anti-infiammatori, fibrinolitici e anticoagulanti si è dimostrato invece poco efficace. I presidi maggiormente utilizzati sono le barriere fisiche e le soluzioni di cristalloidi singolarmente o in associazione. Attualmente particolare attenzione è stata posta agli agenti fluidi poiché possiedono una buona manegevolezza, non sono sito specifici e risultano poco costosi. In particolare il ringer lattato è la soluzione più studiata e quella di maggior utilizzo nella pratica chirurgica. Il confronto tra i diversi presidi a disposizione ha dimostrato che attualmente nessun prodotto in uso, sia sottoforma di barriera meccanica che di gel o di soluzione, è in grado di prevenire efficacemente la formazione di aderenze postoperatorie. L’ esperienza qui riportata suggerisce che una buona pratica chirurgica, associata al contenimento della disidratazione dei tessuti con ringer lattato siano uno strumento utile nella prevenzione delle aderenze postoperatorie.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail