Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 February;61(1) > Minerva Ginecologica 2009 February;61(1):53-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2009 February;61(1):53-5

lingua: Inglese

Isterectomia radicale robotica

Fanning J., Hojat R., Johnson J., Fenton B.

Division of Gynecologic Oncology Department of Obstetrics and Gynecology Summa Health System Northeastern Ohio Universities
College of Medicine, Akron, OH, USA


PDF  


L’intervento chirurgico di isterectomia radicale robotica sta trovando un sempre maggior impiego nel trattamento del carcinoma della cervice uterina e i risultati di studi iniziali sono promettenti. Rispetto all’isterectomia radicale con accesso tradizionale, l’isterectomia radicale robotica dovrebbe causare un minor dolore postoperatorio, un minor tasso di infezioni, una ridotta degenza ospedaliera postoperatoria, e minori aderenze intraddominali, con una conseguente più rapida ripresa delle attività quotidiane. Sono, tuttavia, necessari studi prospettici randomizzati controllati che comparino l’isterectomia radicale robotica, laparoscopica e con accesso tradizionale per il trattamento del cancro della cervice uterina.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail