Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1) > Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1):35-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2009 Febbraio;61(1):35-43

lingua: Italiano

Il ruolo della laparoscopia nel carcinoma ovarico

Angioli R. 1, Muzii L. 1, Battista C. 1, Terranova C. 1, Oronzi I. 2, Sereni M. I. 1, De Oronzo M. A. 1, Damiani P. 1, Collettini F. 1, Graziano M. 2, Benedetti Panici P. 2

1 Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia Università Campus Bio-Medico di Roma, Roma, Italia
2 Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia Università di Roma “La Sapienza”, Roma, Italia


PDF  


Il ruolo della chirurgia mini-invasiva nella gestione dei tumori ginecologici è in continua espansione. Anche se ancora pochi studi clinici hanno attestato il ruolo della laparoscopia in oncologia, tale tecnica è oggigiorno ampiamente utilizzata nella maggior parte delle neoplasie ginecologiche. Un approccio laparoscopico rappresenta il gold standard nella gestione di masse ovariche benigne, ma il suo ruolo nella gestione di tumore ovarico deve ancora essere definita. Attualmente il ruolo della laparoscopia in chirurgia cancro ovarico può essere suddiviso in 3 categorie: 1) stadiazione in caso di patologia confinata alle ovaie; 2) valutazione della citoriducibiltà della malattia; 3) second-look. L’approccio laparoscopico mostra importanti vantaggi quali la riduzione del tempo operatorio, ridotte perdite di sangue e minore degenza ospedaliera. I limiti di laparoscopica includono il possibile sviluppo di metastasi da trocar, la diffusione del tumore a causa della rottura della cisti e incompleta stadiazione. Al momento attuale in letteratura non esistono studi randomizzati con casistiche tali da poter riconoscere la laparoscopia come una tecnica sovrapponibile alla laparotomia nella gestione del cancro dell’ovaio. Inoltre, la maggior parte degli studi presenti in letteratura non prevede il confronto tra i due approcci e solitamente quando ciò avviene lo studio è condotto da chirurghi specializzati nell’approccio laparoscopico o in quello laparotomico, per cui i risultati sono difficilmente paragonabili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail