Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2008 August;60(4) > Minerva Ginecologica 2008 August;60(4):331-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2008 August;60(4):331-7

lingua: Italiano

Isterectomia laparoscopica e lesioni urologiche: analisi del rischio alla luce della letteratura corrente e strategie di prevenzione

Cipullo L., Cassese S., Fasolino L., Fasolino A.

Unità Operativa di Ginecologia, Azienda Ospedaliera S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, Salerno, Italia


PDF  


Lo scopo di questo manoscritto è quello di illustrare le possibili complicanze urologiche legate all’esecuzione dell’isterectomia laparoscopica (laparoscopic hysterectomy, LH) e di focalizzare l’attenzione sulle strategie più efficaci da attuare per ridurne l’incidenza. Abbiamo eseguito una rivisitazione della letteratura concernente la sicurezza di tale procedura mettendo a confronto l’LH con l’isterectomia addominale (abdominal hysterectomy, AH) per quanto attiene alle lesioni urologiche intra operatione. È stato, inoltre, valutato il non trascurabile effetto della curva di apprendimento. L’effetto learning curve e’stato messo in evidenza da grossi studi osservazionali, in cui si è visto che il numero di complicanze urologiche che si verificano in corso di LH diminuisce consensualmente all’accrescere dell’abilità dell’operatore nell’eseguire tale procedura. È stata posta una certa attenzione anche nel descrivere l’ampia variabilità che sussiste tra i diversi centri in cui si esegue questo tipo di chirurgia con una variazione che nel caso delle lesioni uroogiche oscilla tra lo 0,4% e il 4%. Le lesioni della cupola vescicale non risultano esssere specifiche per l’LH, mentre esse vengono comunemente associate all’AH, sebbene il loro tasso di incidenza sia risultato di molto più elevato nell’LH quando la si è messa a confronto con l’AH (2% vs 0,8%). Tra isterectomia vaginale (vaginal hysterectomy, VH) e laproscopica sussistono invece differenze tarscurabili rispetto a questo tipo di lesione (1,6% vs 1,2%). Le lesioni ureterali si verificano con una frequenza del 1,2% nella LH e dello 0,2% in caso di AH, laddove dati della letteratura corrente mostrano che tali tipo di lesioni appaiono essere molto rare in quelle donne sottoposte a VH. Il presente studio sottolinea l’importanza fondamentale della diagnosi precoce intraoperatoria delle lesioni urologiche e si propone di fornire alcuni suggerimenti di ordine pratico per evitarle, oltre a fornire una breve descrizione di alcuni aspetti procedurali della LH così come viene eseguita nell’istituto di Salerno.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail