Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2008 April;60(2) > Minerva Ginecologica 2008 April;60(2):97-104

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2008 April;60(2):97-104

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Identificazione di pazienti ad alto rischio di osteoporosi. Analisi di fattori di rischio, ecografia e DEXA, in una popolazione femminile del Nord Est dell’Italia

Della Martina M. 1, Fabiani G. 1, Biasioli A. 1, Piccoli V. 1, Vascotto L. 1, Driul L. 1, Chittaro M. 2, Marchesoni D. 1

1 Department of Obstetrics and Gynaecology, University of Udine, Udine, Italy 2 Unit of Hygene, DPMSC School of Medicine, University of Udine, Udine, Italy


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio osservazionale è l’identificazione di donne ad alto rischio di osteoporosi, utilizzando l’ecografia quantitativa falangea (QUS) per lo screening dell’osteoporosi.
Metodi. La popolazione in studio è composta da 1152 donne di età compresa tra 35 e 79 anni, sia in età pre- che postmenopausale. Ciascuna donna è stata sottoposta a questionario e a QUS falangea. Cento-quarantotto donne sono state inoltre sottoposte ad assorbimetria a raggi X a doppia energia (DEXA). L’osteopenia e l’osteoporosi, determinate impiegando l’amplitude dependent speed of sound (AD-SoS) T-score, ha identificato le donne ad alto rischio di frattura. I dati sono stati analizzati usando il programma SPSS (Statistical Package for Social Science) per Windows.
Risultati. L’AD-SoS è significativamente più alto nelle donne in premenopausa rispetto a quelle in post-menopausa senza una storia di terapia ormonale sostitutiva (HRT) (P<0,001), se di età superiore ai 50 anni. Nelle donne di età compresa tra 50 e 59 anni, AD-SoS è significativamente più alto nelle donne in premenopausa rispetto alle donne in postmenopausa, indipendentemente dall’assunzione di terapia ormonale sostitutiva.(P<0,001). Nelle donne in postmenopausa, l’analisi discriminante ha evidenziato che HRT e gli anni di HRT sono gli unici fattori protettivi significativi (P<0,001). Nelle donne in pre- e postmenopausa senza storia di assunzione di HRT, l’analisi discriminante ha dimostrato che la menopausa precoce e un’anamnesi familiare di osteoporosi sono gli unici fattori di rischio significativi (P<0,001).
Conclusioni. La menopausa precoce e un’anamnesi familiare di osteoporosi sembrano rappresentare i maggiori fattori di rischio, mentre HRT sembra essere un fattore protettivo. La tecnica QUS, con DEXA come test secondario, può essere un esame di screening per l’identificazione di donne in postmenopausa ad alto rischio di frattura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail