Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 Dicembre;59(6) > Minerva Ginecologica 2007 Dicembre;59(6):613-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2007 Dicembre;59(6):613-8

ADVANCES IN UROGINECOLOGIA 

 REVIEW

Approccio del medico alla paziente con dolore pelvico cronico

Cheong Y. 1, Stones R. W. 2

1 School of Medicine and Biomedical Sciences, Academic Unit of Reproductive and Developmental Medicine, Sheffield, UK
2 Department of Obstetrics and Gynaecology, University of Southampton, Southampton, UK

Numerose donne affette da dolore pelvico cronico (DPC) non presentano in ultima analisi alcuna patologia organica identificabile, nonostante i numerosi accertamenti diagnostici eseguiti. Per queste pazienti, non esiste accordo sul migliore approccio terapeutico. Sebbene sia stato raccomandatato un approccio multidisciplinare alla diagnosi ed alla terapia, questo è costoso e poco pratico, nella maggior parte dei centri della Gran Bretagna ed in molti altri Paesi. I medici devono essere consci dell’importanza dell’approccio del medico durante la valutazione clinica e la visita, pochè questo ha profonde ripercussioni dalla diagnosi alla terapia. Alcune pazienti desiderano avere valutazione clinica aperta e non direttiva, mentre altre preferiscono stili più diretti. È pertanto essenziale per il medico identificare le attese delle pazienti e le loro preferenze, cercando di soddisfarle e di ottenere pertanto un’adeguata concordanza comunicativa. In questo capitolo, esamineremo alcuni studi correlati al rapporto medico-paziente in materia di DPC.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina