Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 Giugno;59(3) > Minerva Ginecologica 2007 Giugno;59(3):287-98

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2007 Giugno;59(3):287-98

AGGIORNAMENTI CLINICI IN TEMA DI CONTRACCEZIONE 

 REVIEW

Invecchiamento e sessualità nelle donne

Nappi R. E. 1, 2, Albani F. 1, 2, Valentino V. 3, Polatti F. 1, Chiovato L. 2, Genazzani A. R. 3

1 Centro di Ricerca per la Medicina Riproduttiva, Dipartimento di Scienze Morfologiche Eidologiche e Cliniche, IRCCS Policlinico San Matteo, Università degli Studi di Pavia, Pavia, Italia
2 Unità di Endocrinologia Ginecologica e Menopausa, Dipartimento di Medicina Interna e Endocrinologia, IRCCS Fondazione S. Maugeri, Università degli Studi di Pavia, Pavia, Italia
3 Sezione di Ginecologia e Ostetricia, Dipartimento di Medicina Riproduttiva e Sviluppo del Bambino, Università degli Studi di Pisa, Pisa, Italia

Numerosi fattori biologici, psico-relazionali e socio-culturali determinano nel loro insieme la salute sessuale della donna e possono interferire negativamente con l’intero ciclo della risposta sessuale inducendo modificazioni significative del desiderio sessuale, dell’eccitazione, dell’orgasmo e della soddisfazione durante l’arco dell’intero ciclo di vita riproduttiva. Nonostante l’elevata prevalenza di sintomi e problemi sessuali con il trascorrere degli anni, un elevato numero di uomini e donne resta sessualmente attivo fino a tarda età, in conseguenza di attitudini nuove verso la sessualità di coppia e della disponibilità di terapie efficaci per le disfunzioni sessuali. Studi di popolazione hanno riportato un declino della funzione sessuale età-dipendente e un effetto avverso aggiuntivo dello stato menopausale. L’invecchiamento di per sé interferisce con il livello delle prestazioni, ma il comportamento sessuale della donna con il trascorrere degli anni dipende fortemente da numerosi fattori quali il benessere generale fisico e mentale, la qualità della relazione e il contesto di vita. Gli ormoni sessuali, soprattutto i bassi livelli di estradiolo, sono rilevanti per la ridotta recettività vaginale che si accompagna a una scarsa consapevolezza sessuale nella menopausa naturale. Anche i ridotti livelli di androgeni, come più spesso si verifica nella menopausa chirurgica, hanno un impatto negativo sul desiderio e sulla responsività sessuale. Molte terapie ormonali sono state utilizzate per alleviare i sintomi sessuali, sia localmente che per via sistemica, soprattutto molecole estrogeniche, androgeniche e il tibolone, con risultati notevoli sul desiderio, sul piacere, sulla lubrificazione, sulla capacità orgasmica e sull’iniziativa sessuale. In ogni caso, un counseling sessuale e una gestione terapeutica individualizzata sono necessari per ottenere risultati significativi a lungo termine nella pratica clinica.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina