Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 June;59(3) > Minerva Ginecologica 2007 June;59(3):231-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2007 June;59(3):231-40

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Uno studio comparativo tra la “Misgav Ladach” e la tecnica chirurgica tradizionale di Pfannenstiel nel taglio cesareo

Belci D. 1, Kos M. 2, Zoricic D. 1, Kuharic L. 1, Slivar A. 1, Begic-Razem E. 1, Grdinic I. 1

1 Pula General Hospital, Pula, Croatia 2 Medical center VILI, Zagreb, Croatia


PDF  


Obiettivo. Valutare i vantaggi offerti dalla tecnica chirurgica di “Misgav Ladach” rispetto al taglio cesareo tradizionale.
Metodi. È stato condotto presso il Pula General Hospital uno studio prospettico su 111 donne sottoposte a taglio cesareo. Quarantanove interventi sono stati condotti secondo la tecnica di Pfannenstiel, 55 secondo la tecnica di Misgav Ladach e 7 mediante laparotomia mediana inferiore.
Risultati. I casi sottoposti a intervento secondo Misgav Ladach, rispetto a quelli sottoposti a intervento secondo Pfannenstiel, hanno presentato: un tempo di parto/estrazione fetale e un tempo operatorio significativamente inferiori (P=0,0009), dolore nel sito di incisione in seconda giornata postoperatoria significativamente minore (0,021), una più precoce ripresa dell’alzata e della mobilizzazione (P=0,013), una minore necessità di analgesici e una minore durata dell’anestesia (P=0,0009) e una più precoce ripresa della canalizzazione (P=0,001).
Conclusioni. La tecnica di Misgav Ladach risulta superiore alla Pfannenstiel per la maggiore rapidità di esecuzione, con minore dolore e minor necessità di analgesici nel postoperatorio. Anche la ripresa delle funzioni fisiologiche è più rapida. Non vi sono, invece, differenze significative nel sanguinamento intraoperatorio, nella morbilità materna, nella cicatrizzazione, nell’involuzione uterina postoperatoria né nella risposta infiammatoria all’intervento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail