Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 June;59(3) > Minerva Ginecologica 2007 June;59(3):205-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2007 June;59(3):205-14

lingua: Italiano

Valutazione delle modificazioni della sintomatologia climaterica, dei parametri clinico-strumentali, nelle donne in menopausa fisiologica trattate con terapia ormonale sostitutiva con nomegestrolo acetato e in menopausa chirurgica trattate con terapia sostitutiva con estrogeni. Prima parte

Savoca S., D’Agosta S., Lombardo G.

Unità per gli Studi sulla Menopausa, Clinica Ostetrica e Ginecologica II, Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Scienze Radiologiche, Azienda Ospedaliero-Universitaria
“Gaspare Rodolico” , Policlinico di Catania, Catania, Italia


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era valutare l’efficacia dell’utilizzo del nomegestrolo acetato in relazione alla sintomatologia climaterica, ai parametri clinici, strumentali ed ematochimici in pazienti in menopausa fisiologica trattate con hormone replacement therapy (HRT), rispetto a pazienti in menopausa chirurgica trattate con terapia ormonale sostitutiva mediante somministrazione per via transdermica di estradiolo (estrogen replacement therapy, ERT).
Metodi. Sono state reclutate 60 donne in menopausa da almeno 6 mesi, di età compresa tra i 40 e i 55 anni; 30 pazienti sono state sottoposte a HRT con nomegestrolo acetato e 30 trattate solo con ERT, in quanto sottoposte a isterectomia totale con annessiectomia bilaterale. I criteri di inclusione sono stati: livelli di FSH ? a 30 UI, livelli di 17B-estradiolo≤ a 50 pg/ml, donne che non avevano effettuato trattamenti ormonali per l’osteoporosi da almeno 6 mesi. Le pazienti arruolate sono state esaminate all’inizio della terapia, a 6 mesi e dopo 12 mesi.
Risultati. Nelle pazienti in cui la terapia estrogenica è stata associata alla somministrazione del nomegestrolo acetato, dopo 12 mesi sono stati evidenziati: riduzione o scomparsa dei disturbi climaterici con miglioramento della qualità della vita di relazione e sessuale. Nel gruppo di donne che hanno effettuato solo la terapia estrogenica (ERT) si è registrato dopo 6 mesi di terapia una riduzione significativa dei sintomi climaterici, con miglioramento della sintomatologia soggettiva che continuava a ridursi nel follow-up a 12 mesi.
Conclusioni. Questo studio conferma la validità della terapia ormonale sostitutiva in entrambi i gruppi, evidenziando un miglioramento più marcato nel gruppo di pazienti che utilizzavano il nomegestrolo acetato rispetto al gruppo trattato con soli estrogeni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail