Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2007 February;59(1) > Minerva Ginecologica 2007 February;59(1):51-61

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2007 February;59(1):51-61

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Approccio clinico-diagnostico alla disfunzione erettile

Caretta N., Foresta C.

Clinical Pathology Unit, Department of Histology, Microbiology and Medical Biotechnologies, University of Padua, Padua, Italy


PDF  


La disfunzione erettile (DE) è stata definita dal National Institute of Health (NIH) come l’incapacità di raggiungere e/o mantenere un’erezione che permetta di avere un rapporto sessuale soddisfacente. In letteratura vengono riportati dati discordanti inerenti l’epidemiologia della DE con valori di prevalenza che variano fra il 12% e il 52%. In Italia un recente studio riporta una prevalenza della DE del 12,8%. La DE deve essere considerata un sintomo, alcune volte il primo, di varie patologie internistiche; pertanto può costituire il punto di inizio nella valutazione e nella prevenzione di importanti patologie (come il diabete, l’ipertensione arteriosa, l’aterosclerosi) fino ad allora misconosciute dal paziente. Il bagaglio culturale dell’andrologo deve, quindi, prevedere la capacità di identificare le patologie che possono determinare la DE e di programmare un iter diagnostico specifico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail