Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 Ottobre;58(5) > Minerva Ginecologica 2006 Ottobre;58(5):347-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2006 Ottobre;58(5):347-60

 REVIEW

Endoscopic management of endometriosis

Chen C. C. G., Falcone T.

Cleveland Clinic, Cleveland, OH, USA

Gli studi clinici randomizzati, che hanno valutato l’efficacia degli interventi chirurgici per via laparoscopica per la gestione dell’endometriosi associata a dolore pelvico cronico, evidenziano un tasso di risposta compreso tra il 66% e l’80%. Il tasso di risposta al placebo è del 20-30%. Il ruolo della chirurgia nelle pazienti sterili con malattia lieve o moderata è ancora oggetto di dibattito, ma probabilmente è di poco conto. Nella malattia avanzata, l’intervento chirurgico migliora chiaramente il decorso, sebbene l’intervento sia più difficile. Dopo un iniziale insuccesso chirurgico per ristabilire la fertilità nelle pazienti con endometriosi avanzata, la fertilizzazione in vitro, piuttosto che la ripetizione dell’intervento chirurgico, è più efficace. Il trattamento per via laparoscopica dell’endometrioma dovrebbe essere eseguito mediante chirurgia excisionale. Il drenaggio e/o la terapia medica si associano a un tasso di recidive molto elevato. Il problema principale legato all’asportazione del tessuto endometriosico è rappresentato dalla potenziale diminuzione della riserva ovarica. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che, se è presente un endometrioma di 4 o più cm, l’asportazione per via laparoscopica deve essere eseguita prima del ciclo di fertilizzazione in vitro, per diminuire il rischio potenziale d’infezione e per migliorare l’accesso al follicolo. L’intervento chirurgico per le forme pelviche extragenitali della malattia rappresenta una sfida. L’asportazione di endometriomi rettali può richiedere l’asportazione a disco della lesione nodulare o la resezione segmentaria. La morbidità di una procedura per via laparoscopica è simile a quella di una laparotomia. Il miglioramento dei sintomi dopo intervento chirurgico per via laparoscopica sull’intestino è eccellente, ma vi sono complicanze potenziali quali la fistola rettovaginale e l’ascesso pelvico. L’endometriosi della vescica o dell’uretere coinvolge tipicamente solo il peritoneo sovrastante e può essere facilmente risolta con asportazione per via laparoscopica. L’asportazione delle lesioni più profonde della vescica o dell’uretere richiede la resezione chirurgica. Essa può essere eseguita per via laparoscopica, ma richiede molta esperienza nell’esecuzione delle suture.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina