Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 Agosto;58(4) > Minerva Ginecologica 2006 Agosto;58(4):335-44

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2006 Agosto;58(4):335-44

lingua: Inglese

Tibolone in the treatment of menopause: compliance, efficacy and safety in a ten year experience

Bianco V., Murina F., Roberti P., Valente I.

Second Obstetric and Gynecological Department University of Milan, Milan, Italy


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Valutare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità del tibolone nella pratica clinica di ogni giorno in uno studio clinico prospettico di coorte, non randomizzato.
Metodi. A 150 donne con età compresa tra 48 e 72 anni, è stato prescritto il tibolone. Settanta due di loro sono state trattate per 36,4 mesi, 55 hanno sospeso il trattamento dopo meno di 1 anno, mentre 23 non l’hanno mai assunto, seppur dopo aver dato parere favorevole ad intraprendere la terapia. Abbiamo valutato lo spessore e l’aspetto istologico dell’endometrio, il colesterolo totale, i trigliceridi, il fibrinogeno, le transaminasi, la gGT ed il peso corporeo.
Risultati. Gli effetti collaterali sono stati la principale causa di sospensione (32%) e l’insufficiente effetto terapeutico per un piccolo numero di casi (rispettivamente 5,5% e 4,7%),mentre varie cause (paura di insorgenza di neoplasie, dimenticanza di compresse, consiglio del medico di famiglia o di altri specialisti, remissione dei sintomi) sono responsabili della sospensione del trattamento per i periodi successivi. Gli esami di laboratorio hanno avuto un andamento favorevole; solo la gGT ha avuto un lieve incremento, mantenendosi comunque nell’intervallo di normalità. Il peso corporeo è aumentato in media di 1,5 kg, e lo spessore endometriale è cresciuto di 1,3 mm,per un periodo di osservazione medio di 34,5 mesi. Si è registrato un incremento medio di 2,3%/anno della densità minerale ossea, sebbene in alcune pazienti non si è avuto alcun aumento.
Conclusioni. Le differenti cause responsabili della fine del trattamento sono correlate alla lunghezza dello stesso, agli effetti collaterali, che sono i principali responsabili della sospensione precoce, l’efficacia sui sintomi o il consiglio di altre figure mediche,nonché la paura di estendere nel tempo la terapia. Si è confermata l’efficacia sulla massa ossea, e la sicurezza sullo spessore endometriale e sugli esami di laboratorio. Per migliorare l’adesione alla terapia nel tempo si suggerisce di operare un adeguato counseling pre-trattamento.

inizio pagina