Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 April;58(2) > Minerva Ginecologica 2006 April;58(2):183-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ginecologica 2006 April;58(2):183-5

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Erronea interpretazione di jet ureterale durante valutazine di ureterocele attraverrso ecografia transvaginale

Costantini S., Mistrangelo E., Lijoi D., Di Capua E.

Department of Obstetrics and Gynaecology University of Genoa, Genoa, Italy


PDF  


Viene presentato un caso clinico di ureterocele la cui diagnosi è stata raggiunta attraverso un work-up diagnostico sperimentale che prevedeva l’utilizzo dell’ecografia transvaginale. L’utilizzo del color Doppler ha rivelato un jet ureterale in vescica erroneamente identificato in prima ipotesi come flusso proveniente dall’uretere dilatato. La cistouretrografia ha in seguito rivelato un doppio distretto a destra con un’ostruzione a carico del distretto superiore, deformato in ureterocele. Se il distretto superiore, da cui si formava l’ureterocele, era ostruito, da dove proveniva il jet ureterale riscontrato al color Doppler? Si può supporre che il jet visualizzato fosse, in realtà, espressione dello sbocco ureterale del distretto inferiore, posizionato, nella scansione ecografica, dietro l’ureterocele. Alla luce del caso presentato, si può concludere che l’utilizzo dell’ecografia transvaginale con color Doppler non è in grado da sola di escludere un’ostruzione di un distretto in caso di anomalia anatomica e che, pertanto, un work-up diagnostico basato solo sull’ecografia transvaginale non è in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per l’impostazione di una corretta strategia terapeutica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail