Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1) > Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1):75-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1):75-9

 REVIEW

Un fetal soft marker nell’ultrasonografia ostetrica: l’arteria ombelicale unica

Salzillo P. L., Salzillo M. E., Mastrogiacomo A., Giordano V., Esposito N., Cobellis L.

Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione, Seconda Università degli Studi di Napoli, Napoli, Italia

I recenti progressi nel campo dell’ultrasonografia hanno consentito la diagnosi prenatale precoce di un numero sempre maggiore di difetti congeniti a carico dei vari distretti del corpo fetale. Tali anomalie morfologiche e/o varianti fenotipiche (marker), si rilevano nella maggior parte dei feti con difetti cromosomici. Essi rappresentano dei “campanelli d’allarme” che inducono ad approfondire la situazione mediante ulteriori esami. È per questo che notevoli energie si sono mobilitate al fine di individuare marker ecografici che permettessero di selezionare tra le gestanti non a rischio, quelle a cui consigliare accertamenti citogenetici. Uno di tali marker è appunto rappresentato dall’arteria ombelicale unica. Questa anomalia consiste nella presenza di 2 soli vasi (una arteria ed una vena) a livello del cordone ombelicale, per mancanza di un’arteria. Il significato clinico di questa patologia non è ancora oggi totalmente chiarito. Spesso infatti, quando isolata, non si associa a cromosomopatie e ad altre patologie fetali. Quando invece si presenta associata ad altri soft markers o ad altre anomalie strutturali, il rischio di anomalia cromosomica si eleva notevolmente.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina