Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1) > Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1):25-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2006 Febbraio;58(1):25-33

lingua: Inglese

Neuroendocrinologia della menopausa

Dasgupta A., Rehman H. U.

Department of Medicine, Broomfield Hospital, Chelmsford, Essex, UK


PDF  


Si è sempre pensato che la menopausa sia il risultato dell’esaurimento dei follicoli ovarici. Tuttavia, è ormai noto che il complesso interscambio di segnali neuro-ormonali e ovarici preannuncia l’inizio della menopausa e che l’ipotalamo gioca un ruolo importante. La progressiva disfunzione di questi fattori neuro-ormonali e ovarici che avviene con l’età porta, infine, alla senescenza riproduttiva. Precocemente, nella fase di transizione menopausale si ha quale evento iniziale un declino dei livelli di inibina-B circolante nella fase follicolare precoce. Nella fase avanzata della perimenopausa cadono anche i livelli di estradiolo (E2) e di inibina-A, mentre quelli di inibina-B restano bassi e quelli di FSH si elevano in modo marcato. I livelli di androgeni sierici sembrano cadere con un meccanismo legato all’età piuttosto che a seguito di una chiara relazione con la transizione menopausale o la menopausa vera e propria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail