Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2005 October;57(5) > Minerva Ginecologica 2005 October;57(5):563-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2005 October;57(5):563-8

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Hormone therapy following the Women’s Health Initiative (WHI) Study: perception of gynecologists in Brazil

Bonassi Machado R., Fernandes C. E., Maia E., de Melo N. R., Chada Baracat E.


PDF  


Obiettivo. L'obiettivo del presente studio è stato di valutare gli effetti dello studio Women's Health Initiative (WHI) sui ginecologi in Brasile, con particolare attenzione alla conoscenza, all'interpretazione dello studio e all'opinione verso la terapia ormonale.
Metodi. Utilizzando dei questionari sono stati valutati un totale di 806 ginecologi. Per la valutazione, sono state analizzate le domande relative al loro grado di conoscenza e di interpretazione dello studio WHI, il numero di prescrizioni scritte per la terapia ormonale e l'opinione relativa all'ideale forma di somministrazione secondo lo studio WHI.
Risultati. I medici hanno dimostrato una buona conoscenza dello studio (97,6%). L'interpretazione più comune dei risultati dello studio WHI era riferita al singolo regime di terapia ormonale utilizzato nello studio dalle pazienti con caratteristiche specifiche, essendo questa la risposta data dal 66,3% dei medici. C'è stata una riduzione del 21,7% dell'intenzione di prescrivere la terapia ormonale, mentre il 32,5% dei ginecologi ha riferito un passaggio ad un regime terapeutico diverso. Dopo lo studio WHI, i ginecologi hanno evidenziato una preferenza per le basse dosi di estrogeni e di progesterone.
Conclusioni. Lo studio WHI ha avuto un impatto rilevante sull'opinione dei medici in Brasile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail