Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2005 Ottobre;57(5) > Minerva Ginecologica 2005 Ottobre;57(5):557-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2005 Ottobre;57(5):557-62

lingua: Italiano

Il significato dei test di screening per le aneuploidie in popolazione a basso e alto rischio per età

Centini G., Rosignoli L., Scarinci R., Pasqui L., Talluri B., Kenanidis A., Faldini E., Cazzavacca R., Petraglia F.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro era verificare la validità del triplo test e dello screen test nella popolazione a basso e alto rischio per età nello screening delle aneuploidie.
Metodi. Sono state sottoposte a triplo test 9680 gestanti a basso rischio e 627 ad alto rischio; a screen test o test combinato 2 780 gestanti a basso rischio e 408 ad alto rischio. Sono stati determinati sensibilità, specificità, falsi positivi e detection rate (DR) nelle 2 popolazioni; è stato applicato il t-test di Student.
Risultati. Il triplo test ha mostrato una DR del 75% nella popolazione a basso rischio e del 83,3% in quella ad alto rischio con un P<0,003 alto rischio vs basso rischio per le trisomie 21 e 18; lo screen test ha presentato una DR del 100% e del 90% rispettivamente nella popolazione a basso e alto rischio; con una differenza (P<0,005) tra i 2 test.
Conclusioni. I 2 test sono attendibili per lo screening delle aneuploidie nella popolazione a basso rischio con migliore performance dello screen test; nella popolazione ad alto rischio si riduce il numero degli esami invasivi di circa il 78% con il triplo test e di circa l'84% con lo screen test.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail