Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 December;56(6) > Minerva Ginecologica 2004 December;56(6):529-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  OVARIAN CANCER


Minerva Ginecologica 2004 December;56(6):529-38

lingua: Inglese

Intra-peritoneal administration of genetic therapies: promises and pitfalls

Evans T. R. J., Keith W. N.


PDF  


I rapidi miglioramenti nella comprensione delle basi molecolari dello sviluppo dei tumori e i progressi avvenuti negli ultimi 3 decenni hanno consentito di disegnare nuove, potenziali, terapie antineoplastiche basate sull'espressione di geni introdotti in un tumore o nel suo ospite. Nel tentativo di superare i limiti della somministrazione intratumorale diretta delle terapie genetiche nelle pazienti con tumori in stadio avanzato, sono state esplorate vie di somministrazione loco-regionali, compresa la via intraperitoneale. Questa review evidenzia la potenzialità dei virus oncolitici competenti sulla replicazione, il rimpiazzo genetico mediato da virus e le strategie che prevedono l'utilizzo geneticamente controllato di enzimi-profarmaci come nuove terapie antineoplastiche. Viene discusso lo sfruttamento potenziale della selettività del gene telomerasi all'interno delle cellule neoplastiche per sviluppare strategie terapeutiche genetiche e vengono riassunti le promesse e i trabocchetti legati al trasporto di queste nuove terapie dall'ambito laboratoristico a quello clinico, pratico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail