Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 Ottobre;56(5) > Minerva Ginecologica 2004 Ottobre;56(5):385-90

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4784

Online ISSN 1827-1650

 

Minerva Ginecologica 2004 Ottobre;56(5):385-90

 ARTICOLI ORIGINALI

Screening per la pre-eclampsia in pazienti a basso rischio alla ventiquattresima settimana: flussimetria delle arterie uterine e varianti geniche del fattore V, della protrombina e della metilentetraidrofolato reduttasi

Driul L., Damante G., D'Elia A., Springolo F., Ianni A., Di Leonardo C., Angelini M., Marchesoni D.

Obiettivo. La pre-eclampsia è una delle maggiori cause di morbilità e mortalità materna e fetale. Lo scopo di questo studio retrospettivo è stato valutare l'utilità clinica delle varianti genetiche trombofiliche e della flussimetria delle arterie uterine a 24 settimane nello screening per la pre-eclampsia in pazienti a basso rischio.
Metodi. È stata eseguita l'analisi genetica per la mutazione per il fattore V Leiden (FV), per la mutazione del gene della protrombina G20210A (PT) e per il polimorfismo C677T del gene della metilentetraidrofolato reduttasi (MTHFR) in 103 pazienti che erano state sottoposte alla flussimetria delle arterie uterine alla 24° settimana presso la nostra Clinica.
Risultati. L'incidenza dell'eterozigosi per il FV Leiden in pazienti con pre-eclampsia e con flussimetria delle arterie uterine patologiche era del 17,4% vs il 3,12% delle pazienti con gravidanze fisiologiche e flussimetria delle arterie uterine regolari. La differenza è statisticamente significativa (P<0,05). L'incidenza della mutazione del gene G20210A per la PT era rispettivamente 4,3% vs 1,5% nelle pazienti con pre-eclampsia e gravidanze fisiologiche, ma tale differenza non era statisticamente significativa. L'incidenza per l'omozigosi per la mutazione C677T del gene MTHFR era rispettivamente 21,7% nelle pazienti con pre-eclampsia e 10,3% nel gruppo di controllo, differenza non statisticamente significativa. Nelle pazienti con flussimetria regolare e pre-eclampsia non sono state riscontrate varianti geniche trombofiliche.
Conclusioni. È stata dimostrata l'importante associazione tra il FV Leiden, la flussimetria delle arterie uterine patologiche a 24 settimane e l'insorgenza della pre-eclampsia in una popolazione a basso rischio.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina