Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 Giugno;56(3) > Minerva Ginecologica 2004 Giugno;56(3):197-204

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ginecologica 2004 Giugno;56(3):197-204

MICROMANIPULATION TECHNIQUES FOR FERTILITY 

 REVIEW

Preimplantation diagnosis for aneuploidies in assisted reproduction

Verlinsky Y., Kuliev A.

Almeno la metà degli ovociti e degli embrioni prima dell'impianto sono aneuploidi e non devono essere trasferiti nei pazienti in età riproduttiva avanzata, sottoposti a fecondazione in vitro. Oggi è possibile diagnosticare le aneuploidie mediante le indagini genetiche prima dell'impianto, che sono entrate a far parte delle tecnologie di riproduzione assistita. È stato dimostrato che la diagnosi genetica di aneuploidia è in grado di migliorare il tasso di impianto e di ridurre il numero di aborti spontanei in seguito all'impianto. L'esperienza di circa 5000 cicli di diagnosi genetica prima dell'impianto, eseguiti in pazienti sottoposti a fecondazione in vitro con prognosi negativa, ha già condotto alla nascita di circa 1000 bambini in apparente stato di salute. Questi dati suggeriscono che questa nuova tecnica è sicura e affidabile: in futuro potrà sostituire le attuali metodiche di preselezione degli embrioni da trasferire, basate su parametri morfologici.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina