Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 June;56(3) > Minerva Ginecologica 2004 June;56(3):189-96

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  MICROMANIPULATION TECHNIQUES FOR FERTILITY


Minerva Ginecologica 2004 June;56(3):189-96

lingua: Inglese

Intracytoplasmic sperm injection. Accomplishments and qualms

Neri Q. V., Tanaka N., Wang A., Katagiri Y., Takeuchi T., Rosenwaks Z., Palermo G. D.


PDF  


Obiettivo. L'iniezione intracitoplasmatica di sperma rappresenta attualmente la tecnica di elezione per il trattamento dell'infertilità maschile e ha condotto alla nascita di molti bambini in tutti i Paesi. Tuttavia, sono stati sollevati dei dubbi circa il rischio di trasmissione di difetti genetici e di anomalie dello sviluppo nei bambini concepiti mediante iniezione intracitoplasmatica di sperma. Vengono qui presentati i dati clinici di tipo prognostico e i risultati dei test di screening per i difetti genetici condotti presso la Cornell University sui genitori che si sono sottoposti all'iniezione intracitoplasmatica di sperma e sui loro figli.
Metodi. Sono stati analizzati i parametri prognostici relativi alla gravidanza e al parto, insieme all'incidenza delle malformazioni congenite. La determinazione del cariotipo dei cromosomi e della delezione Yp è stata condotta su campioni di sangue. Sono stati inoltre valutati il decorso clinico e lo sviluppo a 3 e a 5 anni dei bambini concepiti mediante iniezione intracitoplasmatica di sperma.
Risultati. Abbiamo eseguito 8 575 cicli di iniezione intracitoplasmatica di sperma con eiaculato, che hanno condotto a un tasso di fertilizzazione pari al 75,4% e a un tasso di gravidanze cliniche pari al 42,8%, con prelievo chirurgico degli spermatozoi (66%, 48,8%). L'incidenza della delezione Y è risultata essere sovrapponibile all'incidenza osservata nella popolazione non fertile, con le medesime delezioni trasmesse ai figli maschi. Non sono state osservate differenze significative nello sviluppo cognitivo, motorio e comportamentale tra i bambini concepiti mediante iniezione intracitoplasmatica di sperma e quelli concepiti in modo naturale.
Conclusioni. È stato possibile trattare la maggior parte degli uomini con problemi di fertilità mediante iniezione intracitoplasmatica di sperma: questa tecnica ha condotto alla trasmissione di una specifica anomalia, ma non ha determinato un aumento dell'incidenza delle delezioni de novo. Non vi è alcuna prova del fatto che i bambini concepiti mediante iniezione intracitoplasmatica di sperma riportino un maggior numero di difetti congeniti oppure abbiano uno sviluppo psicomotorio più limitato rispetto ai bambini concepiti in modo naturale. Ciononostante, lo screening genetico e il counseling sembrano indicati per le coppie che fanno ricorso all'iniezione intracitoplasmatica di sperma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail