Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2004 April;56(2) > Minerva Ginecologica 2004 April;56(2):125-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ginecologica 2004 April;56(2):125-30

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Impatto della terapia ormonale sostitutiva in menopausa sulla densità mammaria

Bisanti T., Cavalieri A. P., Capri O., Galoppi P., De Felice C., Porfiri L. M., Perrone G.


PDF  


Obiettivo. Molto discusso è il rapporto tra terapia ormonale sostitutiva e rischio di cancro mammario. Tra gli effetti della terapia sulla mammella molto studiato negli ultimi tempi è stato quello sulla densità mammaria, importante fattore di rischio per il tumore al seno. Scopo del nostro studio è stato quello di analizzare l'effetto a breve e lungo termine sulla densità mammaria della terapia sostitutiva tradizionale e del Tibolone.
Metodi. Lo studio di tipo prospettico non randomizzato è stato condotto su un campione di 41 pazienti in menopausa spontanea; 21 pazienti hanno assunto la terapia con estrogeni per via transdermica 50 mg/die associata a medrossiprogesterone acetato 10 mg/die per 12 giorni al mese, 20 pazienti hanno assunto 2,5 mg/die di Tibolone. Il follow-up è stato di 5 anni. La mammografia è stata eseguita prima dell'inizio della terapia e ripetuta a cadenza annuale. Il quadro mammografico pre e post-trattamento è stato valutato da 2 radiologi secondo la classificazione di Wolfe, considerando significativo il passaggio in una diversa classe di Wolfe rilevato soggettivamente da entrambi i radiologi.
Risultati. Dal nostro studio emerge che nel gruppo trattato con estrogeni in associazione con progestinico si determina un aumento di densità mammmaria nel 25% dei casi, mentre nel gruppo trattato con Tibolone non si verifica alcun caso di incremento, ma si riscontra nel 9,5% dei casi una riduzione. Le variazioni di densità si verificano nel 1° anno e rimangono costanti nei 5 anni successivi.
Conclusioni. Questi risultati, insieme con quelli pubblicati in letteratura, confermerebbero il minore impatto del Tibolone sulla mammella, anche a lungo termine. Il tibolone potrebbe dunque essere considerato la terapia ideale in donne con familiarità positiva per carcinoma della mammella o in pazienti con seno particolarmente denso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail