Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 December;55(6) > Minerva Ginecologica 2003 December;55(6):493-502

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ginecologica 2003 December;55(6):493-502

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Procedure diagnostiche tradizionali e di recente introduzione nelle lesioni mammarie di dubbia interpretazione

Giovagnoli M. R., Bonifacino A., Pisani T., Di Cocco B., Dalfino G., Petrocelli V., Vecchione A.


PDF  


La percentuale di casi di carcinoma mammario identificati in fase precoce (lesioni inferiori a un centimetro con prognosi generalmente favorevole) è aumentata negli ultimi anni grazie al diffondersi degli screening mammografici, parallelamente è cresciuto anche il numero di lesioni mammarie non palpabili (LNP) evidenziate casualmente o in corso di screening.
Il loro inquadramento radiologico e/o ecografico risulta sovente problematico e la loro gestione richiede, quindi, un approccio diagnostico multidisciplinare che preveda, accanto agli esami di ''imaging'', sia metodiche cito-istologiche classiche sia altre, di più recente introduzione, basate sul prelievo microbioptico quali il Mammotome e il sistema ABBI.
Questa review si ripromette di descrivere le singole metodiche, le loro possibilità e i loro limiti e di analizzare il contributo diagnostico che, prese singolarmente o in associazione, possono offrire per la definizione di quella realtà clinica relativamente nuova e in continuo aumento mammotome, ABBI rappresentata dalle LNP della mammella.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail