Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 October;55(5) > Minerva Ginecologica 2003 October;55(5):451-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  ATTUALITÀ SULLA INFERTILITÀ


Minerva Ginecologica 2003 October;55(5):451-8

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Environmental toxicants and human fertility

Foster W. G.


PDF  


In generale, si avverte una crescente preoccupazione circa il fatto che l'ambiente stia producendo un impatto negativo sulla salute dell'uomo. L'attività ormono-simile e la tossicità endocrinologia dei tossici ambientali è stata documentata nella letteratura medica contemporanea, ha fatto sorgere la preoccupazione che l'esposizione a questi agenti chimici possa alterare la funzione riproduttiva della specie umana e ne possa compromettere la fertilità. Inoltre, la presenza di associazioni di tipo epidemiologico tra l'esposizione agli agenti tossici di natura chimica sul posto di lavoro e i problemi in ambito riproduttivo, insieme al riscontro di residui tossici di provenienza ambientale nel siero e nel liquido follicolare ovario, ha destato una diffusa preoccupazione circa il fatto che i contaminanti di natura chimica possano svolgere un ruolo attivo nella patobiologia dell'infertilità idiopatica nella popolazione generale. Nonostante i dati epidemiologici non siano univoci, gli studi condotti sugli animali forniscono una plausibilità biologica per una potenziale associazione tra l'esposizione ai tossici ambientali e un'alterata funzione riproduttiva. Inoltre, gli esperimenti condotti su colture cellulari e di organo gettano luce sui potenziali meccanismi dell'azione tossica esercitata sul sistema riproduttivo. Questa review riassume i dati sperimentali che collegano l'esposizione ai tossici ambientali all'infertilità ed esamina la plausibilità biologica di questa associazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail