Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5) > Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5):389-98

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  ATTUALITÀ SULLA INFERTILITÀ


Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5):389-98

lingua: Inglese

The cryobiology of assisted reproduction

Kelly S. M., Buckett W. M., Abdul-Jalil A. K., Tan S. L.


PDF  


La crioconservazione dei gameti e degli embrioni umani è diventata parte integrante della riproduzione assistita. I maggiori sviluppi nella tecnologia di crioconservazione sono stati proporzionali alla rapida espansione della tecnologia della riproduzione assistita nel corso degli ultimi 2 decenni. E' oggi possibile crioconservare lo sperma, gli oociti e gli embrioni ai loro vari stadi di sviluppo.
L'introduzione delle tecniche di vitrificazione e di congelamento rapido sta conseguendo un generale riconoscimento e il congelamento rapido potrebbe diventare la metodica di elezione in sostituzione delle tradizionali metodiche di congelamento lento. La crioconservazione del tessuto ovarico offre la speranza di preservare la fertilità per le donne che si sottopongono a trattamenti di tipo medico o chirurgico potenzialmente sterilizzanti.
In parallelo all'introduzione della crioconservazione nella riproduzione assistita, si sono sollevate numerose questioni di natura morale ed etica correlate alla conservazione dei gameti e/o degli embrioni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail