Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5) > Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5):373-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  ATTUALITÀ SULLA INFERTILITÀ


Minerva Ginecologica 2003 Ottobre;55(5):373-88

lingua: Inglese

GnRH antagonist in in vitro fertilization: were we are now

Shapiro B. D., Mitchell-Leef D.


PDF  


Questa review analizza la letteratura più recente circa l'utilizzo degli antagonisti del GnRH per l'induzione dell'ovulazione ai fini della fecondazione in vitro. Gli antagonisti del GnRH, il ganirelix acetato (Orgalutran/Antagon) e il cetrorelix (Cetrotide), sono andati incontro ad una diffusione sempre più ampia, a partire della loro commercializzazione, nel corso degli ultimi 3 anni. Questa classe di analoghi del GnRH presenta diversi vantaggi potenziali rispetto agli agonisti del GnRH. Tra questi vantaggi figurano: 1) la minore durata del trattamento farmacologico iniettabile; 2) la diminuita necessità di gonadotropine per ogni ciclo; 3) la maggiore convenienza per le pazienti; 4) i costi totali di trattamento inferiori. Allorché i clinici avranno acquisito una maggiore esperienza circa l'utilizzo di questi farmaci, è verosimile che saranno disponibili paradigmi terapeutici ottimali. Questa review discute le attuali strategie terapeutiche e le potenziali applicazioni riguardanti gli antagonisti del GnRH.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail