Home > Riviste > Minerva Ginecologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3) > Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):275-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA GINECOLOGICA

Rivista di Ostetricia e Ginecologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

NOTE DI TECNICA  


Minerva Ginecologica 2003 Giugno;55(3):275-8

lingua: Italiano

Trattamento laparoscopico conservativo delle cisti dermoidi ovariche

Fasolino A., Cassese S., Fasolino M. C., Pastore E.


PDF  


I teratomi ovarici rappresentano il 5-25% dei tumori ovarici, possono interferire con la fertilità essere causa di rottura o torsione ed in una piccola percentuale avere trasformazione maligna.
Abbiamo sottoposto dal 1997 al 2000 659 pazienti tra 17-38 anni a laparoscopia operativa per cisti dermoide. Il livello di CA125 era nel range di normalità per tutte le pazienti. In 55 la cisti era unilaterale non superiore ai 10 cm di diametro le altre 10 pazienti furono escluse per bilateralità, associazione con altra patologia, sospetto intraoperatorio di malignità.
Abbiamo utilizzato un TROKAR ombelicale da 10 mm e 3 da 5 mm forbici bipolari e un guasper creano una losanga per mettere in trazione l'ovaio.
Le pazienti sono state suddivise in 2 gruppi:
1) quelle trattate con forbici e pinze;
2) quelle con acquadissezione.
Abbiamo confrontato l'eventuale rottura della cisti, il tempo medio operatorio, le complicanze e il periodo di degenza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail